villaggi operai

Guardare dietro le quinte di una metropoli

Dal Parco Nord all’Idroscalo, attraversando il Parco Media Valle Lambro, alla scoperta di un Museo diffuso di cultura materiale che racconta la storia milanese dell’industria e del lavoro. Un itinerario metropolitano di 30 km, in un paesaggio culturale evolutivo modificato dall’uomo nel corso di mille anni, lungo il quale 50 manufatti di diverso tipo sono conservati come in una grande esposizione universale permanente. Dove si possono ammirare i ruderi dell’epoca fordista, la cui grandezza fuori scala desta meraviglia: fabbriche come cattedrali, colline di scorie di fonderia come piramidi; carriponte come gallerie ottocentesche; aeroporti per idrovolanti come laghi. Dove si possono visitare i manufatti recuperati a nuove funzioni di eccellenza: magazzini che diventano archivi o incubatori d’impresa, opifici che diventano musei di storia aziendale, hangar che diventano spazi per l’esposizione di opere d’arte, villaggi operai che diventano nuovi quartieri residenziali, cave di estrazione che diventano parco. Un itinerario per scoprire che di questo Museo, più che i visitatori, ne possiamo essere gli abitanti.

Luca Ceccattini, presidente del Parco Media Valle Lambro